29.12.12

Crema di piselli invernale ai semi di finocchio

In questi giorni dopo le feste natalizie e prima del cenone di capodanno mi ritrovo a pensare a cosa mangiare in questi "giorni di mezzo". Dovrebbe essere un piatto piuttosto leggero, gustoso e soddisfacente. Per me l'inverno è la stagione delle minestre e delle zuppe, delle patate in tutte le salse (beh, più che altro zuppe, sformati ecc...) e dei cavoli, dei legumi, del tè e dei biscotti, delle torte e degli agrumi che adoro. Da piccola il cavolo lo mangiavo malvolentieri, solo da grande ho imparato ad apprezzare il cavolo nero, il cavolo toscano per eccellenza. Tanto che questo tardo autunno ho deciso di piantare 6 piantine in un angolo del giardino e vedere che succede (sto ancora lavorando al mio pollice verde). Per ora sono sempre in fase di crescita e credo dovrò aspettare ancora diverse settimane prima di poter usare il mio cavolo nero in cucina. Cos'altro ho in giardino adesso? Le piante aromatiche, come il timo, le salvie, l'alloro, il rosmarino.

Crema invernale di piselli e semi di finocchio

Grazie ad alcune di esse e a pochi
semi di finocchio, questa crema di piselli acquista un gusto delicato e fresco, che soddisfa il palato.
Siccome mi piace giocare con le consistenze, la crema di piselli è ottima se accompagnata con una croccante, tiepida fetta di pane abbrustolito cosparso di un filo d'olio extravergine (magari nuovo e pizzichino) e una spolverata di pepe nero appena macinato.
Nei prossimi giorni mi concentrerò sulla cena di capodanno: il menu è nero su bianco e la lista degli ingredienti pure. Sono entusiasta al pensiero di avere davanti agli occhi la tavola bella, apparecchiata con cura, i piatti studiati in modo da abbinarsi ai grandi vini che contribuiranno a rendere speciale questa cena. Ma basta gongolare con l'immaginazione, vi parlerò di questa cena quando potrò mostravi le foto!

Crema di piselli invernale

Crema di piselli invernale ai semi di finocchio

(per 3 persone)

2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaino raso di semi di finocchio
1 peperoncino secco
1 foglia d'alloro
3 rametti di timo
300 gr. piselli secchi
1,5 l. acqua (o brodo vegetale) bollente
sale
semi di sesamo tostati (opzionale)

  1. Fare soffriggere a fuoco basso l'aglio fino a che sarà dorato.
  2. Aggiungere i semi di finocchio, il peperoncino, l'alloro, il timo. Sciacquare i piselli nello scolapasta ed aggiungerli alle erbe. Farli insaporire brevemente.
  3. Aggiungere l'acqua bollente e salare a piacere.
  4. Fare cuocere i piselli per ca. 40 minuti o fino a che inizieranno a disfarsi. Dopo 20 minuti togliere l'aglio ed il peperoncino e continuare la cottura.
  5. Togliere dalla zuppa l'alloro ed i rametti di timo. Con il frullatore ad immersione, frullare la minestra per qualche minuto, fino a che sarà cremosa ed omogenea.
A piacere distribuire i semi di sesamo sulla crema di piselli e servire con una fetta di pane tostato cosparso d'olio d'oliva extravergine.

Variante

Se si desidera si possono aggiungere ca. 200 ml di acqua (o brodo) bollente, così da ottenere una crema di piselli più fluida, in cui poter cuocere della pasta corta come ad esempio i ditalini rigati.

2 commenti:

  1. Anonimo11.1.13

    .....ma i semi di finocchio quando si aggiungono.....????

    RispondiElimina
  2. Eh già... svista ;-) Si aggiungono all'inizio, insieme al peperoncino, all'alloro e al timo. Ciao!

    RispondiElimina

Non vedo l'ora di leggere i vostri commenti! Mi raccomando, non inserite link nel commento, quello al vostro profilo va benissimo. Se è la prima volta che passate di qui, vi ricordo la mia Comment policy. Sono qui che vi aspetto, fatevi leggere!