13.3.13

Torta alla banana con glassa al caffè e arachidi caramellate

Torta alla banana con glassa al caffe e arachidi caramellate

Ecco la mia prima Torta, di quelle sopraelevate di almeno due piani, un "Banana Cake with Mocha Frosting & Salted Candied Peanuts". E' una ricetta di Lebovitz, dal suo ultimo libro "Ready for Dessert", il pasticcere americano europeizzato (francesizzato per l'esattezza), non solo perché vive a Parigi da anni ma anche per le sue ricette. Questa torta accosta insolitamente la banana col caffè e questa ricetta mi ha insegnato a fare le arachidi caramellate... chi l'avrebbe detto che si possono preparare a casa semplicemente? Conoscendole dai mercatini tedeschi di Natale al profumo di cannella, pensavo che ci volesse almeno una larga pentola di rame, eppure!

ricetta arachidi caramellate fatte in casa

Non sono una fan delle mega torte, come quelle a più piani con creme e ricoperte di glasse più o meno cremose o di etti di panna, un po' all'americana o anche come quelle che si trovano nelle Konditoreien tedesche. E nemmeno, confesso, del pan di spagna. Benché, se fatto bene e con la crema giusta (nocciola!), è una delizia. Ma questa mi incuriosiva sotto vari aspetti, a partire dalle arachidi caramellate salate: che ci stanno a fare nel gusto di una torta alla banana con caffè e cioccolato fondente?
Bene, l'ho scoperto, con la fiducia che ho nel gusto di Lebovitz e grazie alla maestria con cui spiega le sue ricette. La torta si compone di tre parti/fasi: fare due torte identiche (due dischi) che poi andranno sovrapposte; fare le arachidi caramellate; fare la glassa al cioccolato e caffè che andrà tra e sopra le due torte. Il risultato fa la sua figura, sia nell'aspetto che nel gusto.

Torta alla banana con glassa al caffe e arachidi caramellate di Lebovitz


Torta alla banana con glassa al caffè e arachidi caramellate

(per 12-14 persone)

Per preparare i due "dischi" alla banana, ci vogliono 1-2 teglie a cerniera di ca. 24 cm di diametro. Se si ha una sola teglia, basta cuocere i due dischi in due fasi successive, conservando la metà dell'impasto (coperto con la pellicola) per il secondo disco in frigorifero durante la cottura del primo.
Le arachidi al naturale (non tostate e non salate) si trovano nei negozi di alimenti asiatici oppure online.

Per il dolce alla banana

350 gr. farina
1 cucchiaino e mezzo cannella
1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
3/4 cucchiaino bicarbonato
1/2 cucchiaino sale
230 gr. burro, a temperatura ambiente
300 gr. zucchero semolato
1 cucchiaino estratto di vaniglia
1 cucchiaio caffè solubile
2 uova grandi, a temperatura ambiente
90 ml. yogurt intero
500 gr. purè di banana (3-5 banane mature, frullate bene)
125 gr. noci pecan (o noci), tostate e tritate grossolanamente

Per le arachidi caramellate salate

150 gr. arachidi al naturale
100 gr. zucchero
45 ml. acqua
1/2 cucchiaino sale fino
1/8 cucchiaino cannella

Per la glassa morbida al caffè

280 gr. cioccolato fondente, a pezzi
125 ml. caffè forte
140 gr. burro, a temperatura ambiente


Preparare il dolce alla banana:

  1. Accendere il forno a 175°. Imburrare il fondo ed i lati di una (o due, vedi nota) teglia a cerniera (24 cm), poi rivestire la base di carta da forno.
  2. In una ciotola mescolare farina, cannella, lievito, bicarbonato e sale. In un'altra ciotola montare con le fruste elettriche il burro con lo zucchero, per almeno 4 minuti, finché il composto sarà soffice e spumoso.
  3. Aggiungere la vaniglia ed il caffè solubile, poi un uovo alla volta e mescolare bene. Aggiungere metà del composto di farina, poi lo yogurt e il purè di banane. Infine aggiungere il resto del composto di farina e le noci, amalgamare bene.
  4. Versare metà del composto nella teglia e cuocere nel forno caldo per ca. 35-40 minuti o finché, infilando nel dolce uno stuzzicadenti, questo non uscirà pulito. Sfornare e fare raffreddare del tutto.
  5. Nel caso di un'unica teglia, mettere da parte il primo disco cotto e cuocere il secondo disco secondo la stessa modalità.

Preparare le arachidi candite:

  1. Su un ripiano a prova di calore (pietra, legno...) stendere un foglio di carta da forno. In una pentola media con il fondo spesso mescolare zucchero, acqua e arachidi.
  2. Mettere la pentola sul fuoco medio e, quando lo zucchero inizia a liquefarsi, iniziare a mescolare con un mestolo di legno.
  3. Continuare a cuocere, mescolando frequentemente, finché lo zucchero inizierà a cristallizzarsi.
  4. A questo punto abbassare il fuoco e lasciare caramellizzare lentamente lo zucchero sul fondo della pentola. Inclinare quindi la pentola e, aiutandosi col cucchiaio di legno, mescolare le arachidi in modo da coprirle col caramello in modo omogeneo. E' normale se rimangono pochi cristalli di zucchero!
  5. Aggiungere il sale e la cannella, mescolare velocemente. Poi versare le arachidi su un foglio di carta da forno e lasciare raffreddare.

Preparare la glassa morbida al caffè e cioccolato:

  1. In una ciotola capiente sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il caffè, mescolando bene fino ad ottenere un composto lucido ed omogeneo.
  2. Togliere dal fuoco ed aggiungere il burro, mescolando a lungo, fino a che sarà completamente amalgamato col cioccolato.

 

Assemblare il dolce:

  1. Togliere delicatamente la carta da forno dai due dischi alla banana, capovolgendoli su due piatti.
  2. Mettere un disco sul piatto da portata. Versarvi circa la metà della glassa (ca. 180 gr.) e stenderla leggermente sul dolce.
  3. Porre sopra questo il secondo disco, poi versavi sopra il resto della glassa. Ricoprire il dolce aiutandosi con una spatola.
  4. Rompere leggermente le arachidi caramellate e spolverarvi il dolce.

- Il dolce si conserva bene sotto una campana per dolci per 2-3 giorni.

2 commenti:

  1. Nemmeno io amo tutte le torte a strati, quelle americane con pasta di zucchero poi mi piacciono ben poco, però alcune torte, magari più nostrane, con sapori bilanciati e non troppo stucchevoli, mi piacciono. La tua mi ispira tantissimo! :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elisa, sarà anche che la mia mamma ci faceva almeno un dolce alla settimana, ma quasi mai torte american style, più che altro crostate e dolci lievitati da colazione/merenda: il mio gusto per i dessert è rimasto abbastanza fedele a questa linea, anche se ora imperversa la moda di cupcakes e del cake design.

      Grazie, a presto,

      Francesca

      Elimina

Non vedo l'ora di leggere i vostri commenti! Mi raccomando, non inserite link nel commento, quello al vostro profilo va benissimo. Se è la prima volta che passate di qui, vi ricordo la mia Comment policy. Sono qui che vi aspetto, fatevi leggere!