25.2.14

Dolce alla frutta secca, miele della Lunigiana e spezie

Questo dolce alla frutta secca, miele e spezie è senza uova e senza burro. E visto che il miele è un ingrediente principale del dolce, non ho usato un miele qualsiasi, ma una DOP toscana, il miele della Lunigiana.

ricetta dolce alla frutta secca e miele della Lunigiana

 Questo dolce invernale è molto simile al dolce certosino, un dessert d'origine bolognese, addirittura a marchio STG (specialità tradizionale garantita). Ma mi ricorda anche un dolce tedesco, il  Früchtebrot, sempre a base di spezie, frutta secca e frutta disidratata, tipico del periodo natalizio (da mangiarsi con il vin brulè!). Oltre alla frutta, ciò che lo rende speciale è il miele, che non solo gli dà una dolcezza aromatica, ma anche la particolare consistenza. E' uno di quei dolci profumatissimi, sia per il miele, sia per l'uso di spezie macinate.
Me lo ha fatto conoscere mia zia, che ha una mamma, nonna Onelia, che cucina benissimo e sforna dei dolci (e non solo) deliziosi. Purtroppo (o forse è un bene...) loro abitano a Torino, ed io posso godermi la loro cucina solo quando vado a trovarli. Qualche mese fa ho avuto anche l'onore di trascorrere una giornata in cucina con la nonna: abbiamo preparato ben 3 dolci, uno più buono dell'altro. Vederla cucinare, osservare quei gesti fatti decine di volte, ammirare la sua snella manualità, chiacchierare con lei mentre si impastava e farciva, è stata una di quelle esperienze che adoro e che spero di ripetere quanto prima.

Il miele della Lunigiana DOP


A chi piace il turismo enogastronomico come alla sottoscritta, fa piacere conoscere i prodotti tipici della propria regione, o quelli della regione in cui, magari, si trascorre qualche giorno di vacanza. Oggi si va nel nord della Toscana, al confine con la Liguria e l'Emilia-Romagna, in Lunigiana. Una terra antica, che trae il suo nome da un'importante città della Toscana antica, Luni, porto strategico, fondata dai Romani molti secoli or sono. Oggi la Lunigiana toscana è in provincia di Massa-Carrara, quella del marmo, del lardo di Colonnata e, oggi, del buonissimo miele DOP. Anche questa DOP ha ovviamente un disciplinare di produzione ed un consorzio.
Nato in una zona vocata dell'apicoltura, di questo miele ce ne sono 2 tipi: quello di acacia e quello di castagno. Quello di acacia, raccolto a maggio, è quasi incolore ed ha un sapore e profumo molto delicati, che ricordano la vaniglia. Quello di castagno, che viene raccolto tra giugno e luglio, ha un colore scuro ed ha un sapore e profumo più decisi, con un retrogusto amarognolo, abbastanza persistente. Entrambi possono essere usati in questa ricetta, è il gusto individuale a decidere! Questi due tipi di miele mantengono di solito la forma fluida, senza cristallizzare.

Se si hanno a casa gli ingredienti, questo dolce si prepara in un battibaleno e si conserva per diversi giorni. Se diventa un po' secco, è squisito inzuppato nel latte a colazione. C'è chi mi ha detto che, se non fosse per il mal di pancia, se lo sarebbe finito da solo durante il giorno. Vabbè, forse non tutti sono così golosi, ma era per avvisare che è uno di quei dolci che potrebbe provocare dipendenza!

dolce al miele della Lunigiana, spezie, frutta secca

Dolce alla frutta secca, miele della Lunigiana e spezie

Ho usato una forma rotonda di 26 cm di diametro.

Ingredienti
(per 6-8 persone)

160 g miele della Lunigiana DOP
125 g zucchero di canna
160 ml acqua
230 g farina
300 g frutta secca (mandorle, nocciole e pinoli), tritata grossolanamente
100 g cioccolato fondente, a pezzi
1 cucchiaino di bicarbonato
100 g datteri al naturali, denocciolati e tagliati a pezzi
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1/2 cucchiaino di cannella in polvere (o estratto di cannella)
  1. Accendere il forno a 190°. In una pentola a fuoco basso mettere miele, zucchero e acqua. Fare sciogliere lo zucchero, mescolando. Versare lo sciroppo in una ciotola capiente.
  2. Con le fruste elettriche a media velocità, aggiungere allo sciroppo la farina, a poco a poco, fino ad ottenere un impasto morbido. Aggiungere la frutta secca (meno una manciata) ed il cioccolato ed amalgamare con una spatola all'impasto.
  3. Aggiungere il bicarbonato, le spezie ed i datteri. Mescolare bene.
  4. Versare l'impasto nella teglia leggermente oleata (o ricoperta con carta da forno) e decorare con la frutta secca messa da parte. Cuocere per 35-40 minuti.

6 commenti:

  1. Ci affonderei un morso all'istante!! ^_^ Meravigliosa e bell'approfondimento. Grazie!!

    RispondiElimina
  2. Questo è un dolce invernale (e non solo) molto ricco e poi i datteri sono sinonimo di energia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Any che bello risentirti! Si è molto ricco, anche di aromi. Avevo dei datteri avanzati dalle feste natalizie e li ho messi nella ricetta, ci stanno davvero bene. A presto!

      Elimina
  3. Con tutta quella frutta secca, il miele e il profumo di cannella mi fa una gola incredibile! Altro che conservarlo per diversi giorni... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, hai ragione... fa un'altra fine! Un abbraccio!

      Elimina

Non vedo l'ora di leggere i vostri commenti! Mi raccomando, non inserite link nel commento, quello al vostro profilo va benissimo. Se è la prima volta che passate di qui, vi ricordo la mia Comment policy. Sono qui che vi aspetto, fatevi leggere!